Albino e le vestali (Versione latino Valerio Massimo)

Albino e le vestali
Versione di latino di Valerio Massimo

Cum Galli ad Romam ferro et igne vastandam accelerare dicerentur, nec ulla spes esset urbem posse defndi, multi Romanorum per agros dilapsi sunt, multi urbes petierunt finitimas, asportantes quaecumque habebant praetiosissima.

Poichè si diceva che i Galli si affrettavano a devastare Roma a ferro e fuoco, e poiché nn c'era nessuna speranza che la città possa essere difesa, molti dei Romani si dispersero per i campi, molti si diressero verso le città limitrofe, portando via qualunque cosa molto preziosa aevano (avessero). Intanto le vestali, lasciando andare la cura delle loro cose, dopo aver riflettuto, quali oggetti sacri dovessero essere portati con loro e quali lasciati, poiché mancavano le forze per portare tutto, nascosero in un luogo sacro del vino con miele e pepe nella botticella: portando le altre diviso il peso tra loro, intrapreseri la via, che le conduceva al Gianicolo.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:10:26 - flow version _RPTC_G1.1