Dionigi e la vecchietta (Versione latino Valerio Massimo)

Dionigi e la vecchietta versione latino Valerio Massimo

Syracusis muliercula quaedam senectutis ultimae, omnibus Dionysii tyranni exitium, propter nimiam morum acerbitatem et intolerabilia onera, votis expetentibus, sola cotidie matutino tempore deos orabat ut Dionysius incolumis ac sibi superstes esset.

A siracusa una vecchietta scongiurava ogni giorno gli dei affinché Dionigi, crudelissimo tiranno della città, fosse sempre incolume e vivesse a lungo.

Quando Dionigi venne a sapere ciò, la chiamò a sé e chiese la causa delle preghiere. E quella molto francamente : "una volta in questa città regnava un tiranno scellerato, dopo la cui uccisione occupò la rocca di Siracusa un tiranno più feroce, e perciò desideravo fortemente che anche il suo dominio fosse breve;

ma allora abbiamo avuto te, la cui crudeltà disumana è nota a tutti. Così ho offerto la mia vita agli dei per la tua incolumità, affinché dopo la tua morte non ci capiti un tiranno ancora peggiore ". Dionigi non poté punire una così spiritosa franchezza

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:10:34 - flow version _RPTC_G1.1