Educazione dei giovani presso i Romani (Versione latino Valerio Massimo)

Educazione dei giovani presso i Romani
versione latino Valerio Massimo e traduzione

Romana iuventus maiores natu, uti patres, honore et reverentia prosesquebatur.

La gioventù romana trattava gli anziani con rispetto e reverenza, come dei padri.

Di conseguenza i giovani, nel giorno che il senato riteneva opportuno, accompagnavano qualcuno tra i senatori o un parente o un amico paterno al senato; e qui aspettavano ritti in piedi oltre la porta per accompagnarli a casa. Con questa attesa certamente volontaria irrobustivano presto sia i corpi sia gli animi per gli esercizi pubblici (ho tradotto con un dativo di vantaggio) e insegnavano apertamente agli altri con un lavoro breve ed onesto la virtù morale.

I giovani non si dispiacevano né si vergognavano a quei tempi di avere cura degli anziani. Invitati a cena, avevano cura in modo scrupoloso che non occupassero il posto degli anziani, e consumato il cibo, non si alzavano prima che i vecchi alzandosi avessero dato lora il permesso per andare via.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:08:43 - flow version _RPTC_G1.1