Esempio di amore filiale - Versione latino Valerio Massimo

Esempio di amore filiale
versione di latino di Valerio Massimo con analisi del testo

Sanguinis ingenui mulierem praetor apud tribunal suum capitali crimine damnatam triumuiro in carcere necandam tradidit.

Un pretore consegnò al triumviro.

da dover essere giustiziata una donna di nobile casato (ch'egli) aveva condannata a morte nel suo tribunale. Presala in consegna, la guardia superiore carceraria, mosso da misericordia, non la fece strangolare subito: anzi, autorizzò la figlia ad incontrarla, a patto che fosse diligentemente perquisita, sì da non introdurre cibo ) nella convinzione che (la prigioniera) sarebbe (dopo pochi giorni) morta di fame. , e (la guardia) si chiedeva, tra sé e sé, grazie a quale espediente mai (ella) riuscisse a sopravvivere così a lungo;

(così) tenuta d'occhio la figlia con maggior accortezza scoprì ch'ella, scopertasi il seno, leniva la fame della madre col proprio latte. La straordinarietà di un fatto tanto ammirevole - dalla (guardia) suddetta al triumviro, dal triumviro al pretore e dal pretore al consiglio dei giudici - riuscì a scagionare la donna.

Fin dove non si spinge, e cosa non escogita l'amore (di una figlia)], che architettò un impensabile escamotage [ per far sopravvivere la (propria) madre nel carcere? Che cosa, infatti, c'è di così straordinario, che cosa di così inaudito (del fatto) che una madre (sia stata) allattata da una figlia? Si potrebbe (a buon ragione) ritenere ciò un fatto contro natura, se non fosse (altrettanto vero che) l'amore nei confronti dei genitori (è) la prima legge di natura.

Clicca sotto per l'analisi della versione

Analisi: - L. Manlio Torquato... usibus subtraheret. L. Manlio... dixerat: è la proposizione reggente; diem dicere alicui ad populum significa propriamente "fissare per qualcuno il giorno presso il popolo", cioè "citare uno davanti al popolo". Seguono due proposizioni subordinate causali, introdotte da quod, al congiuntivo perché si tratta di una causa addotta soggettivamente dal tribuno (quod excessisset quodque... subtraheret). Vediamole, facendone la costruzione: la prima è inductus (participio congiunto riferito a Torquato che corrisponde ad una subordinata causale, cum inductus esset) occasione bene conficiendi bellum excessisset tempus legitimum obtinendi imperium in cui c'è un ablativo di causa efficiente (occasione) da cui dipende il gerundio del genitivo col suo complemento oggetto (bene conficiendi bellum) così come il complemento oggetto di excedere (tempus legitimum) determina un altro genitivo di gerundio con complemento oggetto (obtinendi imperium). La seconda proposizione presenta un dativo retto da subtrahere (publicis usibus), un genitivo di qualità (optimae indolis) retto da iuvenem (apposizione del complemento oggetto filium) a cui si collega il participio congiunto (gravatum) da cui dipende l'ablativo di causa efficiente (rustico opere). - Id postquam... direxit. Id postquam... cognovit: subordinata temporale iniziale seguita dalle due sovraordinate coordinate da et (protinus petiit et se... direxit), il cui soggetto sottinteso è il giovane figlio (soggetto anche delle due reggenti). Nella prima, urbem è complemento di moto a luogo (= Roma, la urbs per eccellenza) retto da petiit (si ricordi che il valore primario di petere è "muovere verso", verbo di direzione da cui derivano tutti gli altri significati), così come in... domum nella seconda, retto da se... dixerit. prima luce: è ablativo di tempo determinato. - Qui existimans... perageret. Il periodo comincia con un nesso relativo (qui = ille) e un participio presente (existimans) congiunto al soggetto, Pomponio, da cui dipende la proposizione subordinata infinitiva (in hoc eum venisse) dove in hoc, complemento di fine, preannuncia la subordinata finale (ut patris crimina... deferret), a cui segue una subordinata relativa (a quo... tractabatur) in cui il pronome relativo è complemento d'agente riferito a patris, e iusto è I'ablativo del II termine di paragone determinato da plus. excedere iussit... cubiculo: proposizione reggente in cui c'è la costruzione attiva di iubeo, con l'accusativo della persona a cui è rivolto il comando (omnes) e l'infinito excedere da cui è retto l'ablativo di moto da luogo (cubiculo), a cui segue un'altra subordinata finale introdotta da quo (in questo caso preferito a ut per la presenza del comparativo licentius), a cui segue un ablativo assoluto con valore temporale (remotis arbitris). - Nactus... causam diceret. Il periodo comincia con un participio congiunto al soggetto sottinteso (il giovane Manlio), equivalente a una subordinata temporale (= cum nactus esset), da cui dipende il dativo di fine (proposito suo), a cui seguono le tre reggenti, coordinate dal -que enclitico (gladium destrinxit... tribunumque coegit... eoque effictum est). Alla prima segue una subordinata relativa (quem... adtulerat) in cui il complemento oggetto quem, riferito a gladium, è seguito da un participio congiunto in posizione predicativa (tectum). Anche nella seconda reggente c'è un participio (compulsum) congiunto al complemento oggetto (tribunum) da cui dipendono i due ablativi di causa efficiente (minis ac terrore), mentre il verbo (coegit) regge l'infinito (iurare) che determina la subordinata infinitiva (a patris... recessurum [esse]), con ellissi di esse, al futuro (di norma iuro è seguito dall'infinito futuro), il cui soggetto è chiaramente il tribuno. A... accusatione è ablativo di moto da luogo retto dal verbo (recedo a + abl. ) e patris è genitivo oggettivo. Nella terza reggente c'è un'espressione impersonale passiva introdotta da eo, ablativo neutro di is, ea, id con valore avverbiale ("da cio, in seguito a ciò", retto da ex che compone il verbo): eo efficitur ut (che corrisponde al nostro "da ciò deriva che, il risultato è che") introduce una subordinata sostantiva al congiuntivo, esprimente una circostanza di fatto (cfr. proposizioni sostantive): qui introduce la sostantiva negativa ne... causam diceret.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:08:43 - flow version _RPTC_G1.1