Fiera risposta di un Trivernate al senato romano (Versione latino Valerio Massimo)

Fiera risposta di un Trivernate al senato romano
versione latino Valerio Massimo

Triverno capto interfectisque qui id oppidum ad rebellandum incitaverant, senatus, indignatione accensus, consultabat quidnam de reliquis Trivernatibus faciendum esset.

Essendo stato catturato un Trivernate e uccisi coloro che avevano incitato la città a ribellarsi, il senato, acceso dall’indignazione, discuteva che cosa mai dovesse essere fatto di tutti gli altri Trivernati.

La salvezza dei Trivernati oscillava tra incerti eventise non poiché erano allo stesso tempo soggetti alla vittoria e all’ira. D’altronde, pur considerando che l'unico aiuto rimaneva nelle preghiere non poterono scordarsi quale era la fierezza del vero sangue italico.

Infatti il loro capo interrogato nella curia su che pena meritasse, rispose: “Quella, che meritano coloro che giudicandosi meritevoli della libertà, presero le armi. ” Con queste parole aveva infiammato gli animi esasperati dei senatori, ma il console Plozio, approvando la causa del Trivernate, gli offrì la possibilità di rettificare la frase.

Infatti, essendosi i Romani trattenuti con lui, chiese quale pace desiderasse dopo che fu donata l’impunità. nel caso fosse donata loro l'impunità Ma egli con sguardo fermissimo rispose: “Nel caso che voi ne abbiate data una buona, che sia eterna; se è cattiva, che non sia durevole. ” Con questa frase fu esauriente a tal punto che fu dato ai vinti non solo il perdono ma anche il diritto alla cittadinanza romana.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:17:15 - flow version _RPTC_G1.1