Il senato trova la dote per la figlia di scipione

Inizio: Secundo bello punico P. Cornelio Scipio ex Hispania senatui Fine: Dotate cognomen invenerit

Cneo Scipione nel corso della seconda guerra punica avendo dalla Spagna scritto al senato chiedendo che si mandasse un successore, avendo una figlia non più giovane ancora nubile e senza la sua presenza era impossibile procurale una dote, . Allora il senato per non privare la repubblica di un buon generale, si assunse le parti di un padre, e costituita una dote ne erogò la somma a spese dell'erario e diede la giovane in sposa.

L'ammontare della dote fu di quarantamila assi - cosa degna di memoria ! - Dal che si può conoscere la misura degli antichi patrimoni: infatti i patrimoni furono talmente esigui che la dote portata da Tuccia figlia di Cesone al marito ammontante a diecimila assi sembrò ricchissima e Megullia per essere entrata nella casa del marito con una dote di cinquantamila assi, ebbe il soprannome di "Dotata".

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:18:26 - flow version _RPTC_G1.1