Il valore di tre uomini (Versione latino Valerio Massimo)

Il valore di tre uomini versione latino Valerio Massimo
traduzione libro Clari fontes

cum Hannibal Capuam, in qua Romanus exercitus erat, obsideret, Vibius Accaus Paelignae cohortis praefectus uexillum trans Punicum uallum proiecit, se ipsum suosque conmilitones, si signo hostes potiti essent, execratus, et ad id petendum subsequente cohorte primus impetum fecit.

Quando Annibale assediava l'esercito romano di Capua, Vibio Accao, comandante di una coorte peligna, scagliò il vessillo oltre la palizzata cartaginese, augurando ogni maledizione per sé e per i suoi commilitoni, se i nemici si fossero impadroniti di quella insegna;

e si slanciò, seguito dalla coorte, per riconquistarla. Accortosi di ciò, il tribuno della terza legione, Valerio FIacco, disse rivolto ai suoi: «Come vedo, siamo venuti qui a far da spettatori dell'altrui valore.

Per quel che mi riguarda voglio morire gloriosamente o portare a termine felicemente la mia audace impresa.

Sono pronto a correre anche da solo all'assalto». Ciò udito, il centurione Pedanio, esortò i soldati e impugnando l’insegna con la destra: «Ora, disse, questa sarà con me entro la palizzata nemica: perciò mi seguano quanti non vogliono che mi sia catturata», e con essa irruppe nel campo cartaginese, trascinandosi dietro tutta la legione.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:10:53 - flow version _RPTC_G1.1