La condizione della donna nell'antica Roma - Versione Valerio Massimo

La condizione della donna nell'antica Roma
Versione di Valerio Massimo

Cliccando qui trovi un'altra stesura latina della stessa versione

Repudium inter uxorem et virum a condita urbe usque ad centesimum et quinquagesimum annum nullum intercessit.

Per 150 anni dalla fondazione di Roma non si verificò alcun ripudio fra moglie e marito.

Poi il primo a ripudiare la moglie per motivi di sterilità fu Spurio Carvilio Egli, sebbene sembrasse indotto da una ragionevole motivazione, tuttavia non fu esente da critica e censure, dato che (i nostri avi) ritenevano che neppure il desiderio di avere figli avrebbe dovuto essere anteposto alla fedeltà coniugale. Inoltre perché il decoro delle matrone fosse protetto dal baluardo della pudicizia si proibì a chi citasse una donna in tribunale di sforarne il corpo, in modo che la sua stola rimanesse inviolata da mano altrui. L'uso del vino, un tempo sconosciuto alle donne romane naturalmente ad evitare che si lasciassero andare a qualche gesto indecoroso perché il grado successivo dell'intemperanza che si deve al padre Libero si risolve generalmente nell'amore illecito.

Del resto perché anche la loro pudicizia non fosse uggiosa e repellente, ma si accomagnasse ad un modesto fascino femminile - col consenso del oro mariti usavano gioielli d'oro e porpora a profusione - per rendere più grazioso il loro aspetto si tingevano accuratamente i capelli di rosso infatti allora non si temevano gli sguardi dei seduttori delle moglie altrui, ma c'era il reciproco rispetto e pudore tra gli uomini nel guardare le donne e tra le donne nell'esser guardate.

tutte le volte poi che ci fosse un litigio tra marito e moglie entrambi si recavano nel tempietto della dea viriplaca sito sul Palatino e deopo aver qui esposto quanto volevano mettevano da parte ogni ostilità e se ne tornavano a casa d'amore e d'accordo. Si dice che questa dea indubbiamente degna di sessere onorata e non so se degna di particolari e scelti sacrifici quale custode della pace quotidiana e domestica abbia preso tale nome da tale sua funzione certo essendo che col suo stesso appellativo essa rende all'autorità dei mariti nello spirito di un reciproco affetto l'onore dovuto alle mogli

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:18:27 - flow version _RPTC_G1.1