La conquista di Gabi

Sextus Tarquinius, Superbi filius, indigne ferens patris copias Gabios civitatem expugnare non posse, ... civitatem tantum non vinctis manibus ei tradidit.

Sesto Tarquinio, figlio di Tarquinio il Superbo, tollerando male che le milizie del padre non potevano espugnare la città di Gabi, pensò un piano (Sott.

molto) più efficace delle armi, con il quale avrebbe espugnato quella città e l'avrebbe aggregata al dominio di Roma. Infatti improvvisamente si rifugiò a Gabi come se stesse fuggendo dalla crudeltà e dalle offese del padre, che aveva tollerato contro il suo volere, e a poco alla volta, conquistandosi la benevolenza di ciascuno, ottenne di contare moltissimo presso tutti;

allora inviò a suo padre un amico, attraverso il quale lo informava di aver in mano sua già tutto quanto, e chiedeva che cosa volesse che si facesse da lui.

Alla giovanile sagacia rispose l'astuzia senile: se è vero che Tarquinio si rallegrò moltissimo della cosa, non credendo abbastanza alla parola del messaggero, non rispose nulla, ma, portatolo in disparte nel giardino troncò le più alte e più grandi corolle dei papaveri con un bastone....(continua)

La traduzione continua qui

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:19:02 - flow version _RPTC_G1.1