La strana morte di tre illustri poeti greci

Aeschyli vero poetae excessus quem ad modum (= ut) non voluntarius, sic propter novitatem casus referendus....

La morte del poeta Eschilo, come fu involontaria, così per il modo insolito dell’avvenimento, è da ricordare.

In Sicilia, uscito dalle mura della città, nella quale si tratteneva, si fermò in un luogo soleggiato. Mentre un’aquila portava una tartaruga sopra di lui, ingannata dalla lucentezza della testa (infatti era pelato), la scagliò come su una roccia, per cibarsi della carne della tartaruga frantumata.

A causa di quel colpo [eo ictu], si spense l’origine e il principio della tragedia greca. Si tramanda anche la causa non comune della morte di Omero. Si crede che in un isola fu ucciso dal dolore, poiché non poté risolvere una domanda postagli dai pescatori.

Ma Euripide morì ancora più atrocemente. Infatti in Macedonia, tornando a casa da una cena presso il re Archelao [lett. : del re Archelao], morì dilaniato dai morsi dei cani.

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-29 15:20:16 - flow version _RPTC_G1.3