L'amicizia tra Damone e Finzia (Versione latino Valerio Massimo)

L'amicizia tra Damone e Finzia versione latino
Valerio Massimo traduzione libro Primus Liber vol. C

Damon et Phintias fidelem inter se iunxerunt amicitiam. Cum alterum ex his Dionysius Siracusanus capite damnavisset, atque is tempus...

Damone e Finzia strinsero tra loro una leale amicizia. Avendo il Siracusano Dionisio condannato a morte uno di questi, ed avendo egli ottenuto tempo in cui, andato a casa, sistemare le sue cose, l’altro non esitò a offrirsi garante al tiranno per il suo ritorno.

Era libero dal pericolo di morte, colui che poco prima aveva avuto il collo posto sotto alla spada; sotto la spada aveva messo la sua testa colui al quale sarebbe stato possibile vivere al sicuro: e così tutti, e soprattutto Dionisio, osservavano l’esito della situazione bizzarra ed in bilico.

Avvicinandosi poi il giorno determinato, e non essendo tornato quello, ciascuno condannava per la stoltezza il tanto temerario garante. Ma egli proclamava di non temere niente a riguardo della costanza dell’amico.

E all’ora stabilita da Dionisio, l’altro arrivò. Il tiranno, meravigliatosi di fronte al coraggio di entrambi, revoco` al condannato il supplizio, e oltre a loro chiese che ammettessero lui nel vincolo di amicizia.

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-29 15:20:23 - flow version _RPTC_G1.3