Lealtà dei Romani

Ingenti Poenorum classe circa Siciliam devicta ...

Dopo che l’ingente flotta dei Cartaginesi era stata sconfitta davanti alle coste della Sicilia, i comandanti cartaginesi, poiché gli animi erano abbattuti, pensavano alla pace.

Amilcare, essendo stato delegato a trattare le condizioni di pace con i Romani, disse che non osava affrontare i consoli, temendo che gli venissero messe le catene nello stesso modo con cui erano state messe dai Cartaginesi al console Cornelio.

Annone invece, giudice più informato dello spirito romano, pensando che non si dovesse temere nulla di simile, si diresse al colloquio con grandissima fiducia. Mentre presso i Romani trattava della fine della guerra e poiché il tribuno dei soldati gli aveva detto che, giustamente, gli poteva accadere ciò che era accaduto a Cornelio, entrambi i consoli, allontanato il tribuno e fattosi silenzio, affermarono: "Annone, la credibilità del nostro popolo ti libera da questa paura!" Legare il comandante dei nemici con le catene avrebbe reso soltanto celebri i consoli, ma il non averlo voluto, li rese assai più celebri.

Fonte: versione presa dal libro So tradurre ma la fonte è skuolasprint.it

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:11:45 - flow version _RPTC_G1.1