L'uomo deve chiedere agli dei di concerdergli il bene - Valerio Massimo versione Latino Expedite

L'uomo deve chiedere agli dei di concedergli il bene versione Valerio Massimo Expedite

Socrates, humanae sapientiae quasi quoddam terrestre oraculum, nihil ultra petendum a dis inmortalibus arbitrabatur quam ut bona tribuerent, quia ii demum scirent quid uni cuique esset utile, nos autem plerumque id uotis expeteremus, quod non inpetrasse melius foret: etenim densissimis tenebris inuoluta mortalium mens, in quam late patentem errorem caecas precationes tuas spargis!

Socrate (uomo) dalla sapienza umana come quella di un qualsiasi oracolo terreno, riteneva che non bisognasse domandare nulla più agli dei immortali, se non di attribuire beni, poiché questi sapevano che sarebbero stati utili a ciascuno, ma quindi chiederemo ciò con le preghiere, poiché sarebbe meglio non ottenere soddisfazione: tu, tuttavia, spargi le tue confuse preghiere, mente dei mortali avvolta nelle tenebre nelle quali è grandemente evidente l’errore!

Richiedi le ricchezze che per molti furono causa di sciagura: desideri gli onori che rovinarono moltissimi: volgi verso di te gli stessi poteri, le cui miserabili conseguenze si vedono frequentemente: poni le mani su uno splendido compagno, ma queste cose talvolta risplendono, talvolta sconvolgono del tutto le cose: Abbandona dunque le stoltezze per i tempi futuri, cause dei tuoi mali, come bramare cose felicissime, ed affida ogni cosa alla decisione dei celesti, poiché sono soliti attribuire beni facilmente e possono anche scegliere molto convenientemente.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 10:17:34 - flow version _RPTC_G1.1