Quando i pontefici per scrupolo religioso si opposero a Marco - Libro Perducere versione latino Valerio Massimo

Quando i pontefici per scrupolo religioso si opposero a Marco Claudio Marcello versione latino Valerio Massimotraduzione libro perducere

Non est dubium quin nostra civitas numquam oculos remotos ab exactissimo cultu caerimoniarum habuerit.

Non c'è dubbio che la nostra cittadinanza non abbia mai distolti gli occhi da un' osservanza impeccabile dal culto delle cerimonie (della liturgia). Poiché M.

Marcello, che si era impadronitosi sia di Casteggio sia di Siracusa, console per la quinta volta, avrebbe voluto consacrare agli dei Onore e Virtù un tempio -che loro doveva per voto - ne fu impedito dal collegio dei pontefici. Infatti i padri sostenevano che non si poteva ragionevolmente dedicare una sola cappella a due divinità: poteva darsi, infatti, che, se vi si fosse verificato qualche prodigio, non fosse poi chiaro in onore di quale delle due divinità si dovesse celebrare l'ufficio religioso, e d'altro canto la consuetudine comportava che non si sacrificasse contemporaneamente a due dei non precisati.

Risultato dell'avvertimento del pontefici fu che Marcello fece collocare in tempietti separati le statue di Onore e di Virtù: né il prestigio dell'autorevolissimo personaggio impedì al collegio dei pontefici che i principi religiosi fossero rispettati e si rendesse loro il dovuto ossequio.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:11:10 - flow version _RPTC_G1.1