Un prodigio annuncia la conquista di Veio (Versione latino Valerio Massimo)

Un prodigio annuncia la conquista di Veio
Autore: Valerio Massimo

Cum bello acri et diutino Veientes, a Romanis intra moenia conpulsi, capi non possent eaque mora intolerabilis videretur, exoptatae victoriae iter miro prodigio dii inmortales patefecerunt.

Poiché i Veienti, spinti dai Romani entro le mura, non potevano essere presi con una guerra violenta e lunga e poiché sembrava che quell'indugio fosse insopportabile, gli dei immortali aprirono una strada per la vittoria vivamente desiderata con uno straordinario presagio.

All'improvviso infatti il lago Albano, senza che fosse stato accresciuto dalle piogge del cielo, né favorito dall'inondazione di alcun fiume, oltrepassò la solita misura del suo bacino.

Per esaminare quell'avvenimento, sembrò opportuno ai Romani che fossero mandati ambasciatori all'oracolo di Delfi.

Gli inviati riferirono che dai responsi era ordinato che diffondessero attraverso i campi l'acqua di quel lago tracimata: così infatti Veio sarebbe caduta in potere del popolo romano.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-15 23:10:34 - flow version _RPTC_G1.1