Un sacerdote con l'astuzia scongiura una profezia infausta per Roma - Valerio Massimo

Valerio massimo Primus libe

Servio Tullio regnante, cuidam patri familiae in agro Sabino praecipuae magnitidinis et eximiae formae vacca nata est.

Durante il regno di Servio Tullio, a un tale padre di famiglia, nacque nella campagna sabina una vacca, di notevole dimensione e di magnifico aspetto.

E Gli interpreti più attendibili di oracoli, dissero che era stata data mandata dagli dei immortali, affinché chiunque l'avesse immolata alla dea Diana dell'Aventino, ebbene la sua patria ottenesse il potere di tutte le terre del mondo.

Felice di ciò, il padrone portata in gran fretta la vacca a Roma, si fermò sul monte Aventino dinnanzi all'altare di diana, per dare ai Sabini, il potere sul genere umano, mediante il sacrificio. Il sacerdote del tempio, informato De del fatto, insinuò nell'ospite lo scrupolo religioso, che non uccidesse la vittima, prima di averla purificata con l'acqua del vicino fiume.

Egli stesso, mentre quello raggiungeva il letto del Tevere, immolò la vacca e con il pio furto del sacrificio rese la nostra città padrona di tante nazioni e tanti popoli.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 00:09:34 - flow version _RPTC_G1.1