Manlio e Camillo difendono Roma dai Galli - Aurelio Vittore versione latino (C.so di lingua latina)

Manlio e Camillo difendono Roma dai Galli versione di latino di Aurelio Vittore Versione 24 pg. 289
libro corso di lingua latina A

Cum Galli Senones, Relictis ob sterilitatem agris suis, Clusium, Italiae oppidum, obsiderent, missi sunt Roma tre (tre, nom.

Poiche’ i galli senoni, abbandonati i loro campi a causa della sterilita’, assediarono Chiusi, citta’ dell’Italia, furono mandati da Roma tre dei fabii per ammonire i galli a desistere dall’assedio.

Uno tra questi, contro il diritto delle genti, avanzo’ verso l’accampamento e uccise il comandante dei senoni. A causa di cio’ i galli, catturati in ostaggio e non ascoltati gli ambasciatori, si diressero verso Roma e masscrarono l’esercito dei romani presso il fiume Allia.

I galli vittoriosi entrarono nella citta’ che prima onorarono per poi ucciderli. La gioventu’ restante fuggi’ con Manlio sul Campidoglio, dove la gioventu’ della virtu’ di Camillo fu conservata.

Camillo, poi, che era stato eletto dittatore, immediatamente uccise i galli e in seguito trattenne con forza il popolo romano, che voleva emigrare. Cosi’ egli restitui’ la citta’ ai cittadini e i cittadini alla citta’.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-22 01:56:03 - flow version _RPTC_G1.1