Torta di Apicio

Inizio: Patinam Apicianam sic facies: frustra suminis cocti, pulpas piscium, pulpas pulli, Fine: debes habere infra ostenditur.

Il piatto di Apicio farai in questo modo: prenderai pezzettini di scrofa già cotti, polpa di pesce, di pollo, beccafichi o petti di tordi cotti e tutto ciò che ci sarà di meglio.

Taglierai tutte queste cose diligentemente a eccezione dei beccafichi. Sbatti le uova crude però assieme all’ olio. Trita il pepe, il levistico, bagnate con liquamen, vino secco, passito;

metti tutto in un tegame affinché bolla e unisci il tutto con l’uovo e l’amido. Prima però metterai lì tutta la polpa tagliata a pezzi affinché si faccia bollire per bene. Ma quando sarà cotto, lo leverai con il suo sugo e lo metterai nel tegame alternativamente dal mestolo, lo bagnerai con grani interi di pepe e con il nucleo di pino.

Quanti strati di pasta stenderai, tanti mestoli di salsa vi aggiungerai sopra. Spargerai il pepe. Nella ricetta successiva è mostrato come doveva essere la padella di bronzo per questo tipo di torta.

release check: 2020-08-24 22:51:33 - flow version _RPTC_G1.1