Amore e Pische: L'ira di Venere (Versione Apuleio)

Amore e Psiche L'IRA DI VENERE VERSIONE latino APULEIO VERSIONE DA LIBRO Nuovo comprendere e tradurre

Questo eccessivo trasferimento di onori divini al culto di una ragazza mortale grandemente infiammò i sentimenti della Vera Venere.

Allora Venere; divampando d’ira chiamò subito quel famoso ragazzo con le ali e abbastanza scavezzacollo che armato di fiamme e frecce correndo di notte per le case altrui e distruggendo i matrimoni di tutti, senza essere punito commette tanti grandi scandali e non fa proprio niente di buono.

Lo inviò in quella città e mostrò Psiche infatti con questo nome veniva chiamata la fanciulla e raccontata tutta quella storia a proposito della concorrenza della bellezza, gemendo e fremendo per l’indignazione: ”Per l’amore materno che mi devi, io ti supplico: offri a tua madre una vendetta e per di più piena: quella vergine sia presa da un amore molto ardente per l’uomo peggiore che esista e di una condizione tanto umile da non trovarsi in tutto il mondo una uguale alla sua miseria.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-09-20 22:46:06 - flow version _RPTC_G1.1