La favola di Amore e Psiche (Versione latino Apuleio)

La favola di Amore e Psiche versione di latino di Apuleio e traduzione

Venus, pulchritudinis venustatisque dea, mater Cupidi fuit.

Venere, dea della bellezza e della leggiadria, fu la madre di Cupido.

Il giovane divino feriva i cuori degli uomini e degli déi con frecce invisibili e suscitava passion smoatei. Cupido colpì con le frecce anche la madre infatti la dea bruciò d' amore per il giovane Adone. Successivamente il bel giovane morì durante la caccia per i denti aguzzi di un cinghiale e Venere, pazza per il dolore, trasformò in un fiore l'uomo amato.

Una giorno Cupido per l'amore della bella Psiche suscitò l'invidia della madre Venere. Notte tempo il dio incontrava la fanciulla amata nelle tenebre profonde ma Psiche non doveva guardare la bocca dello sposo.

Ma una volta, per la curiosità, con un lume guardò verso il cuscino e finalmente vide la bellezza della bocca di Cupido. Il dio dell'amore, furioso d'ira, lasciò per sempre la fanciulla. Allora il padre degli uomini e degli dei, incline alla misericordia per il grande dolore della fanciulla, rese immortale Psiche.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-09-20 22:46:16 - flow version _RPTC_G1.1