Carme LXXII Catullo - Catullo Carme 52

Amare e bene velle - Amare e voler bene

Dicebas quondam solum te nosse Catullum, Lesbia, nec prae me velle tenere Iovem.

Un tempo, o Lesbia, affermavi che tu volevi conoscere il solo Catullo, che non volevi avere al mio posto Giove.

Allora ti ho amato non tanto come il popolo (ama) un’amica ma come un padre ama i figli e i generi.

Adesso ti ho conosciuta: perciò sebbene più violentemente brucio di passione, tuttavia sei per me di minore pregio e di minore peso.

Come mai è possibile tu dici? Perché una tale offesa costringe chi ama ad amare di più ma a voler bene di meno.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-02-17 12:07:51 - flow version _RPTC_G1.1