La terra madre di tutti - VERSIONE latino Columella

La terra madre di tutti
VERSIONE LATINO COLUMELLA
Columella, De re rustica, I, praefatio passim

Saepe numero civitatis nostrae principes audio culpantes modo agrorum infecunditatem, modo caeli per multa iam tempora noxiam frugibus intemperiem;

Spesso sento cittadini ragguardevoli di Roma incolpare ora la sterilità dei campi ora l'inclemenza del cielo già da tempo nociva ai raccolti.

Sento taluni attenuare queste lamentele per una diciamo così precisa convinzione: essi infatti pensano che il terreno, affaticato e spossato dall'eccessiva fertilità precedente, non possa più offrire agli uomini gli alimenti con la larghezza di una volta. Questi motivi, o Publio Silvino, io li giudico senz'altro surrettizi.

Non mi è possibile pensare che la natura, dotata di perpetua fecondità dal primo creatore del mondo, sia stata presa dalla sterilità come da un morbo; né è degno di persona saggia credere che la Terra, a cui toccò in sorte una divina eterna giovinezza, che fu detta comune madre di tutti in quanto tutto essa ha sempre prodotto e tutto in seguito continuerà a produrre, si sia invecchiata come s'invecchia un uomo!

Inoltre non penso che codesti inconvenienti capitino per inclemenza del clima, bensì sostengo che sono dovuti a colpa nostra perché abbiamo affidato agli schiavi peggiori, come a carnefici che la rovinino, quel! agricoltura della quale i migliori tra i nostri antenati si occupavano personalmente e nel modo migliore.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-09-20 22:46:27 - flow version _RPTC_G1.1