Qualità dei bovini italici - LITTERA LITTERAE Versione Columella

Qualità dei bovini italici
VERSIONE DI LATINO DI Columella
Versione da Littera Litterae

Campania plerumque boves progenerat albos et exiles, labori tamen et culturae patrii soli non inhabiles.

La campania genera per lo più bovini bianchi ed esili, tuttavia non inabili (quindi abili) alla fatica e alla coltivazione della terra.

l'umbria (aveva generato bovini) robusti e bianchi; e inoltre rossastri; non meno lodevoli sia per le qualità dell'indole che per quelle del corpo. in Etruria e in Lazio sono sempre stati prodotti bovini tarchiati, ma forti per il lavoro, capaci di soportare ogni difficoltà nell'appennino.

queste caratteristiche sono così varie e diverse, tuttavia l'aratore deve seguire regole comuni e precise nel comprare i giovenchi, e tali notizie sono state tramandate da Magone Carthaginiensi come ricorderemo in seguito.

ci si devono procurare i giovani bovini, tarchiati, con le grandi membra, con corna lunghe, nere e robuste, con la fronte ampia e crespa, con le orecchie irte, con gli occhi e i labbri neri, con le narici "ripiegate all'insù" schiacciate e aperte, con il collo lungo e robusto.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-09-20 22:46:27 - flow version _RPTC_G1.1