Rapacità di Dioniso tiranno di Siracusa - Versione Eliano

Rapacità di Dioniso tiranno di Siracusa
Versione di greco di Eliano dal libro TAXIS

Διονύσιος ἐξ ἁπάντων τῶν ἐν Συρακούσαις ἱερῶν, ἐσύλησε τά χρὴματα. Τοῦ δὲ ἀγάλματος τοῦ Διòς περιεῖλε τὴν ἐσθῆτα καì τòν κòσμον, ὃς ἦν φασι χρυσίου πέντε καì ὀγδοήκοντα ταλάντων. Ὀκνούντων δὲ τῶν δημιουργῶν ἅψασθαι, ὁ δὲ πρῶτος ἔκρουσε τὸ ἄγαλμα. Καὶ τὸ ἄγαλμα δὲ τοῦ Ἀπόλλωνος περιεσύλησεν, ἔχον καì αὐτὸ χρυσοῦς βοστρύχους, κελεύσας ἀποκεῖραί τινα αὐτούς. Πλεύσας δὲ ἐς Τυρρηνούς, τὰ τοῦ Ἀπόλλωνος καì τῆς Λευκοθέας ἅπαντα ἐσύλησε χρήματα, τὴν παρακειμένην ἀργυρᾶν τῷ Ἀπόλλωνι τράπεζαν κελεύσας ἀφελεῖν, ἀγαθοῦ δαίμονος τῷ θεῷ διδόντας πρόποσιν.

Dioniso depredò le ricchezze da tutti i templi a Siracusa.

Deubò della staua di Zeus la veste e l'ornamento, che dicono fosse d'oro, e 85 talenti. E derubò la staua di Apollo, che aveva anche i riccioli d'oro, avendo comandato di tagliarglieli ad un tale.

Essendo salpato alla volta degli Etruschi, saccheggiò tutte le ricchezze di Apollo e Leucotea, avendo comandato che derubassero ad Apollo una tavola splendidamente apparecchiata, mentre offrivano un brindisi in onore del dio, dispensatore di buona sorte.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-06 01:52:42 - flow version _RPTC_G1.1