Socrate umilia la superbia di Alcibiade - Eliano versione greco

Ορων ο Σωκρατης τον Αλκιβιαδην τετυφωμενον επι τω πλουτω και μεγα φρονουντα επι τη περιουσια και ετι πλεον επι τοις αγροις, ηγαγεν αυτον εις τινα της πολεως τοπον, ενθα ην πινακιον εχον γης περιοδον και προσεταξε τω Αλκιβιαδη την Αττικην ενταυθ' αναζητειν. Ως δ' ευρε, προσεταξε αυτω τους αγρους τους ιδιους διαθρησαι· του δε ειποντος· "Αλλ' ουδαμου γεγραμμενοι εισιν », eπι τουτοις ουν, ειπε, μεγα φρονεις, οιπερ ουοεν μερος της γης εισιν; "

Vedendo Socrate Alcibiade superbo per la ricchezza e che era superbo /arrogante per la superiorità e inoltre ancora di più per i campi, lo condusse verso un certo luogo della città, dove si trovava un quadro che aveva una carta geografica della terra, e comandò ad Alcibiade di ricercare l'Attica lì.

Quando la trovò, ordinò a lui di trovare i campi privati, e rispondendo lui: "Ma non sono segnati da nessuna parte", "Dunque per questi motivi", disse Socrate "Tu dunque sei superbo per questi campi che non sono nessuna parte della terra".

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-06 01:52:25 - flow version _RPTC_G1.1