Vanità di Alessandro - Eliano versione greco e traduzione

Vanità di Alessandro versione greco Eliano

Αλεξανδρος, δτε ενικησε Δαρειον και την Περσων αρχην κατεκτησατο, μεγα εφ' εαυτω φρονων και εκθεουμενος, επεστειλε τοις Ελλησι θεον αυτον ψηφισασθαι.

Γελοιως γε· ου γαρ απερ ουν εκ της φυσεως ουκ ειχε, ταυτα εκ των ανθρωπων αιτων εκεινος εκεροαινεν. Αλλοι μεν ουν αλλα εψηφισαντο, Λακεδαιμονιοι δε εκεινα· !Επειδη Αλεξανδρος βουλεται θεος ειναι, εστω θεος!· ουτως λακωνικως τε αμα και κατα τον επιχωριον σφισι τροπον οι Λακεδαιμονιοι ηλεγξαν την εμπληξιν του Αλεξανδρου

Alessandro, quando vinse Dario e conquistò l'impero persiano, essendo orgoglioso di se stesso e considerandosi un Dio, ordinò ai greci di essere decretato dio.

Certamente ridicolo: infatti quelle cose che non aveva avuto dalla natura, queste egli non otteneva dagli uomini chiedendole.

Chi dunque decideva una cosa, chi un'altra, gli spartani questo: "poichè Alessandro vuole essere un dio, sia un dio"; così in modo laconico e insieme secondo il loro costume nazionale gli spartani biasimarono la presunzione di Alessandro.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-06 01:53:00 - flow version _RPTC_G1.1