Il ragazzo che rubava

Il ragazzo che rubava versione greco

Παις εκ διδασκαλειου την του συμφοιτητου δελτον ανελομενος τη μητρι εκομισε· της δε ου μονον ουκ επιπληξασης, αλλα και επαινεσασης αυτον,...

Un ragazzo, sottratta da scuola la tavoletta per scrivere del compagno, la portò alla madre.

Poiché ella non solo non lo aveva rimproverato, ma addirittura lo aveva lodato, avendo in seguito rubato un vestito, glielo portò e quella lo elogiò ancora di più. Quando divenne un giovanotto, poi, prese a rubare anche le cose di maggior valore.

Colto un giorno sul fatto e legategli le mani dietro le spalle, fu condotto dal boia. Poiché la madre lo seguiva e si batteva il petto per il dolore, il giovane dichiarò di volerle dire qualcosa alle orecchie. Dopo che quella si fu avvicinata, afferrò fulmineamente il suo orecchio e glielo lacerò.

Poiché ella lo accusò di sacrilegio, quegli rispose: «Se tu mi avessi picchiato allora, quando per la prima volta ti portai la tavoletta da scrivere, dopo averla rubata, non sarei arrivato a questo punto e non sarei condotto a morte».

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:56:36 - flow version _RPTC_G1.2