Il viandante ed Ermes - Esopo versione greco da Corso di greco

IL VIANDANTE ED ERMES VERSIONE DI GRECO di Esopo TRADUZIONE dal libro Corso di greco
Inizio: Οιδοπορος πολλην οδον... Fine: ...και θεους δια πλεονεξιαν
TRADUZIONE numero 1

Un viandante mentre compie un lungo cammino, promette in voto di offrire ad Ermes la metà nel caso trovi qualcosa.

Trova una bisaccia, dentro c'erano mandorle e anche datteri, la raccoglie e la agita pensando che le cose dentro (gli oggetti) fossero denaro.

Come (quando) vede le cose che c'eran dentro, mangia tutto e, prendendo i gusci delle mandorle e i noccioli dei datteri, (li) offre sull'altare del dio dicendo: "Hai ricevuto, o Ermes, la mia offerta, infatti divido con te sia le cose all'interno che all'esterno". La favola è adatta all'uomo avido che infanna anche gli dei per il desiderio di guadagno.

Traduzione numero 2

Un viandante mentre compie un lungo cammino prega che, se trova qualcosa, la metà la offre ad Ermes.

Si imbatte, dunque, in una bisaccia (dentro vi erano mandorle e datteri), la prende e la scuote, credendo che le cose al suo interno fossero denaro.

Come, invece, vede le cose che sono all'interno, mangia tutto e, prendendo i gusci delle mandorle e i noccioli dei datteri, le offre sull'altare del dio dicendo: "Tu ricevi, o Ermes, il voto:

e infatti io divido con te le cose che sono all'interno e quelle che sono fuori". La favola è adatta all'uomo avido di denaro, che raggira persino gli dei a causa della sua cupidigia.

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:56:39 - flow version _RPTC_G1.2