L'aquila e lo scarabeo

Inizio: Ἀετὸς λαγωὸν ἐδίωκεν. ὁ δὲ ἐν ἐρημίᾳ τῶν βοηθησόντων ὑπάρχων, ... Fine: μὴ δύνασθαί ποτε ἑαυτὸν ἐκδικῆσαι

Un’aquila inseguiva una lepre (λαγώς - ώ, ὁ): questa in assenza di soccorritori disponibili, vedendo (aor. εἴδομαι) uno scarabeo, poiché lo riteneva il solo capace (di aiutarlo) lo supplicava. Questo, che gli faceva coraggio, come vide l’aquila che veniva vicino, scongiurava di non togliergli la sua protezione. E questa, disprezzando (ὑπεροράω) la piccolezza dello scarabeo divorò la lepre. Da allora, serbando rancore, continuava a spiare i nidi dell’aquila e, se talora questa ne generava uno, volando alto rotolava e fracassava le uova, fino a che del tutto afflitta, l’aquila cercava soccorso presso Zeus (è l’uccello sacro a Zeus) ed egli trovò (δέω un posto per lei per deporre in sicurezza la covata . Dopo averle ordinato (ἐπιτρέπω) di generare nelle pieghe delle vesti di Zeus stesso, lo scarabeo, ciò visto, fece una pallina di sterco, si alzò in volo (ἀναπέτομαι) e, venuto sopra le vesti di Zeus, lì la fece cadere. Zeus volendo scuotersi di dosso (ἀποσείομαι) lo sterco, si alzò (διανίστημι), si dimenticò (lλανθάνω) facendola cadere. Da allora dicono per vero che gli scarabei non fanno nidificare le aquile. Il racconto insegna che non si pensi di disprezzare qualcuno, perché nessuno é così incapace, una volta offeso, da non poter vendicarsi.(by Geppetto)

Testo greco completo

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-09-17 00:23:21 - flow version _RPTC_G1.1