La rondine e la cornacchia - Esopo versione greco

LA RONDINE E LA CORNACCHIA VERSIONE DI GRECO di Esopo
versione n. 1 Testo greco non pervenuto

La rondine diceva alla cornacchia: “Io sono una fanciulla, e sono d’Atene, e sono di sangue reale, e son figlia del re d’Atene”, e continuava, con la storia di Tereo, e della violenza subita, e del taglio della lingua. “T’han tagliata la lingua”, disse la cornacchia, “e hai tanta parlantina!

Che cosa mai succederebbe se ce l’avessi?”. I fanfaroni, a forza di parlare a vanvera, con i loro discorsi si smentiscono da soli.

traduzione n. 2 da altro libro

Χελιδων και κορωνη περι καλλονης φιλονεικεουσιν η χελιδων πρωτον μεν κομπαζει, επειτα, δ η κορωνη προς την χελιδονα λεγει "Αλλ η μεν ση καλλονη εν τη εασινη ωρα μονον ανθεει, το δ εμον σωμα και εν τη χειμερια παραμενει".

La rondine e la cornacchia rivaleggiano circa (la loro) bellezza. La rondine dapprima si vanta, poi però la cornacchia dice alla rondine: "Ma la tua bellezza fiorisce solo nella stagione primaverile, mentre il mio corpo resiste anche durante quella invernale"

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:56:20 - flow version _RPTC_G1.2