Le zanzare e il leone - Esopo Versione greco Terza edizione

Inizio: κωνωψ προς λεοντα ελεγε. . Fine: . .και κρατιστοις πολεμων υπο ευτελεστατου ζωου, της αραχνης, απωλλυτο.

Una zanzara diceva al leone: "Né mi spaventi, né sei più abile di me.

infatti giudichi a noi di essere il più grande per forza che gratti con gli artigli e mordi con i denti; ma anche una donna combattendo così con l'uomo riesce. Infatti se vuoi, andiamo verso la guerra". E suonando la zanzara si slanciava, mordendo la faccia priva di chioma e il naso di lui.

Il leone abbatteva se stesso con i propri artigli e rifiutava la fine.

Così la zanzara vincendo il leone, suonando e cantando per la vittoria, vola via: ma un ragno si slancia ed essendo mangiata, (la zanzara) si lamentava poiché il più grande e il più forte dell'animale rendendo ostile dal più semplice, come il ragno, periva.

Copyright © 2007-2023 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2023 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2023-01-19 02:10:35 - flow version _RPTC_G1.1