Sertorio istruisce le sue rozze truppe - Versione latino Frontino e traduzione

Q. Sertorius, quod experimento didicerat imparem se universo Romanorum exercitui, ut barbaros quoque inconsulte pugnam exposcentes doceret, adductis in conspectum duobus equis, praevalido alteri, alteri admodum exili duos admovit iuvenes similiter affectos, robustum et gracilem.

Q. Sertorio, che aveva capito in base all'esperienza di essere diverso (in confronto) a tutto l'esercito romano, per insegnare anche ai barbari che sollecitavano temeriaramente il combattimento, spinti al cospetto di due cavalli, uno di loro molto forte, l'altro piuttosto debole mosse ugualmente due giovani scelti, uno robusto e uno gracile.

Al giovane più forte comandò di rompere tutta la coda del cavallo esile a quello gracile invece di strappare uno ad uno i peli di quello più forte. Poichè quello gracile era riuscito a fare ciò che gli era stato ordinato, il più forte invece lottava senza effetto con la coda del cavallo debole (e quindi) disse Sertorio: vi ho mostrato attraverso questo esempio la natura degli uomini romani, o soldati: sono tutti invicibili a quello che aggredisce, e li prenderà e lacererà chi assalirà attraverso le parti.

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-09-20 22:47:49 - flow version _RPTC_G1.1