Confronto fra Filippo e Alessandro (Versione latino Giustino)

Confronto fra Filippo e Alessandro
VERSIONE DI LATINO DI Giustino

DAL LIBRO LITTERA LITTERAE pag.

52 N° 2

Philippo Alexander filius successit et virtute et vitiis patre maior. Alexander aperte, Philippus artibus bella tractabat. Prudentior pater consilio, filius animo magnificentior. Iram Philippus dissimulabat, plerumque etiam vincebat; Alexander ubi exarsisset, nec dilatio ultionis nec modus erat. Vini nimis uterque avidus, sed ebrietatis diversa vitia. Padri mos erat etiam de convivio in hostem procurrere; filius non in hostes sed in suos saeviebat, ut saepe Philippus saucius proeliis remitteretur, Alexander amicorum interfector convivio frequenter excederet. Regnare pater cum amicis nolebat, filius in amicos regna exercebat. Amari Philippus praeoptabat, Alexander metui. Sollertiae pater maioris, filius fidei. Verbis atque oratione Philippus, Alexander rebus moderatior. Frugalitati pater, luxuriae filius magis deditus erat. His artibus orbis imperii fundamenta Philippus iecit, operis totius gloriam Alexander consummavit.


A Filippo succedette il figlio Alessandro, superiore al padre in virtù e in vizi. Alessandro conduceva le guerre apertamente, (al contrario) Filippo con astuzie. Il padre (era) più abile per ponderazione, il figlio più nobile d’animo. Filippo nascondeva la collera, per lo più la vinceva anche; quando Alessandro fosse montato in colleram, non vi era nessun rinvio della vendetta né un limite. Entrambi (erano) eccessivamente ingordi di vino, ma differenti (erano) le manifestazioni negative dell’ubriachezza. Il padre (dativo di possesso) aveva l’abitudine di lanciarsi contro il nemico anche da un banchetto;

il figlio non si accaniva contro i nemici, ma contro i suoi (soldati), cosicchè spesso Filippo era rimandato ferito dalle battaglie, Alessandro si allontanava spesso dal banchetto come uccisore di amici. Il padre non voleva condividere il potere con gli amici, il figlio esercitava i suoi poteri sugli amici. Filippo preferiva essere amato, Alessandro (invece) essere temuto. Il padre (era) di maggiore astuzia, il figlio di maggiore lealtà. Filippo (era) più moderato nelle parole e nel discorso, Alessandro più equilibrato nei fatti. Il padre (era più dedito) alla temperanza, il figlio era più dedito al lusso. Filippo gettò le fondamenta del regno della terra con queste capacità, Alessandro raccolse la gloria di tutto il lavoro (opus, operis).

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 01:28:06 - flow version _RPTC_G1.1