Fuga di Annibale (Versione latino Giustino)

Fuga di Annibale versione latino Giustino
traduzione dal libro Nove discere

cum Romani Hannibalem sibi periculosum putarent, ad speculandos actus eius legatum in Africam Cn.

Dato che i romani consideravano Annibale pericoloso per loro, per spiare le sue operazioni in Africa mandarono l'ambasciatore Cn.

Servilio, e gli ordinarono di uciderlo con i nemici. Ma il fatto non rimase inosservato a lungo ad Annibale, uomo a cui non mancò mai prudenza, così che nessuna insidia potè coglierlo impreparato. Allora per tutto il giorno s mostrò ai cittadini e all'ambasciatore romano nel foro dei cartaginesi dedito agli affari, per nascondere loro la sua decisione.

Avvicinatasi poi la sera, chiese ai servi un cavallo fingendo di voler ristorarsi cavalcando fuori dalla città, come se provasse noia della fatica. Ma, dopo che era montato a cavallo, immediatamente si diresse verso la campagna intorno alla città, che distava dal mare uno spazio esiguo.

Aveva in quel luogo una nave con rematori nascosta da un'insenatura nascosta della spiaggia; e c'era in quel territorio una grande ricchezza predisposta, che giovasse alla fuga. Allora, scelti giovani servi, si imbarcò e volse rotta verso Antioco, re della Siria.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 01:28:23 - flow version _RPTC_G1.1