Il regno di Cambise (Versione latino Giustino)

Il regno di Cambise versione di latino di Giustino Littera Litterae 1B pag. 60 N° 3

clicca qui per la versione stesso titolo diversa di AMPELIO DA

LECTIOR BREVIOR

Cyro, qui multos annos regnavit, successit filius Cambyses, qui imperio patris Aegyptum adiecit;

A Ciro, che regnò per molti anni, succedette il figlio Cambise, che aggiunse l’Egitto all’impero del padre;

ma poiché era irritato verso i culti superstiziosi degli Egiziani, ordinò di abbattere i templi di Api e degli altri dei. Affinché anche il celebre tempio di Ammone venisse espugnato, inviò un esercito, che fu sopraffatto da temporali e tempeste di sabbia e andò perso.

In seguito vide in sogno che suo fratello Mergi avrebbe regnato. Si era spaventato per il sogno, non esitò pertanto, dopo aver compiuto quei sacrilegi, a compiere anche un parricidio.

Per questo così crudele incarico designò un sacerdote tra i (suoi) amici, di nome Comete. Frattanto sguainò volontariamente la spada e morì ferito gravemente ad una coscia, in quanto doveva pagare il fio, sia del parricidio che aveva ordinato sia del sacrilegio che aveva compiuto.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-16 00:30:42 - flow version _RPTC_G1.1