La vendetta della regina Tamiri - Versioni latine per il triennio

La vendetta della regina Tamiri
versione latino Giustino versione latino Giustino
dal libro versioni latine per il triennio

Amisso tanto exercitu et, quoti gravius dolendum unico filio Tamyris orbitat dolorati non in lacritnas effudit, tei in ultionis solatia intendit liostesipie recenti Victoria cxsultantes pari insidiaruni fraude circumvenit;

Perduto un esercito tanto grande e, cosa di cui si doveva addolorare più profondamente, l’unico figlio, Tamiri non sfogò nelle lacrime il dolore della perdita, ma si volse al conforto della vendetta e con un pari inganno di insidie sorprese i nemici esultanti per la recente vittoria; infatti, simulata la sfiducia per la sconfitta ricevuta, ritirandosi condusse Ciro fino ad un passo stretto.

Qui preparato un agguato sui monti, trucidò duecentomila Persiani con lo stesso re. In questa vittoria è rimasto memorabile anche questo fatto, che non sopravvisse a tanta strage neppure un messaggero. La regina ordinò che la testa di Ciro fosse tagliata e gettata in un otre colmo di sangue umano, con questo rimprovero per la sua crudeltà: “Sàziati del sangue di cui fosti assetato e di cui fosti sempre insaziabile”. ciro regnò trenta anni e non fu, non pur nel principio del regno ma di continuo ancora nel successo di tutto il tempo, meravigliosamente insigne.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 01:28:23 - flow version _RPTC_G1.1