Mirabili prodigi preannunciano la futura grandezza di Gerone (Versione latino Giustino)

Mirabili prodigi preannunciano la futura
grandezza di Gerone (Giustino)

Hieronis tanta moderatio fuit, ut consentientium omnium civitatum favore dux adversus Carthaginienses primum, mox rex crearetur.

Gerone fu di così grande moderazione che con l'appoggio di tutte le città consenzienti dapprima venne nominato comandante contro i Cartaginesi, successivamente re.

La stessa educazione di lui ancora bambino fu quasi messaggera di questa futura grandezza. Certamente era stato generato dal padre Ieroclito, nobile uomo, ma l'origine della madre, gli fu abietta e disonorevole. Nato infatti da un'ancella ora per tal motivo, come per esempio la vergogna dell'origine, era stato abbandonato dal padre. Ma lo nutrirono molti giorni piccolo e bisognoso di assistenza umana le api, raccolto del miele intorno a lui che era abbandonato.

Per la qual cosa, indotto dal responso egli aruspici, che diceva che per il bambino si prospettava il regno, il padre riprese il piccolo e lo preparò con ogni affetto all'attesa della maestà, che gli era promessa. Al medesimo, mentre a scuola apprendeva tra i suoi coetanei, un lupo, subito notato nella moltitudine di fanciulli, sottrasse la tavoletta.

Anche da giovane, mentre intraprendeva le prime guerre, un'aquila gli si posò sullo scudo, una civetta sul giavellotto. Egli ebbe l'insigne bellezza del corpo, anche le forze in lui furono straordinarie. Attraente nella conversazione, giusto negli affari, assolutamente moderato nel comando, perché sembrasse che a lui non mancasse niente di regale eccetto il regno.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-16 00:30:41 - flow version _RPTC_G1.1