La battaglia di Platea - Greco lingua e civiltà

Greco Lingua e civiltà

Inizio: οι Λακεδαιμόνιοι νομίζοντες αὐτοὶ μὲν ἄδικά τε ποιεῖν καὶ κακῶς βουλεύεσθαι, Ἀθηναίους δὲ δίκαιά τε λέγειν καὶ τὰ βέλτιστα αὐτοῖς παραινεῖν, ἐβοήθησαν εἰς Πλαταιάς ...

Fine: ὑπὸ πάντων ἠξιώθησαν, ἡγεμόνες γενέσθαι τῆς Ἑλλάδος.

Qui puoi visionare il testo greco completo

Clicca qui per altra traduzione

Gli spartani pensando di effettuare  ingiuste azioni e di decretare male, mentre (pensavano che) gli Ateniesi affermavano cose giuste e li consigliassero per il meglio, andarono in soccorso a Platea: quando la maggior parte degli alleati durante la notte fuggiva di nascosto dagli schieramenti per il gran numero di nemici, gli Spartani e i Tegeati si piegarono contro i barbari, mentre gli Ateniesi e i Plateesi combattendo piegarono tutti i Greci che non accettavano la libertà e tolleravano la schiavitù.

Quel giorno procurarono in modo stabile la libertà all’Europa, avendo dato prova del loro valore in tutti i pericoli, sia soli sia con gli altri, sia combattendo per terra sia combattendo per mare, sia contro i barbari sia contro i Greci, furono ritenuti da tutti degni di diventare capi della Grecia.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-08-10 09:25:24