Il re Creso - Greco Lingua e civiltà

Greco Lingua e civiltà pagina 97 numero 14

Κροισος ο των Λυδων δυναστης, οτι πλουτω και ανδρει και τη της αρχς αυδαιμονια θαυμαστος εστιν νομιζειν εαυτον μακαριον (ειναι).

Οτι εθελει την Κυρου, του των Περσων δυναστου αρχην καταλυειν, συμμαχον τον εν Δελφοις θεον εχειν επιθυμεει· δωροις ουν την φιλιαν του θεου θηρευει και τω θεω ταυρους θυει.

Εις δε Δελφους πεμπει πολλα θαυμαστα εργα και τον βασιλειας κοσμον τω θεω παρεχει. Ταις δωρεαις πιστευει την του μαντειου ευνοιαν εχειν.

Creso il signore dei Lidi, poiché è degno di ammirazione per ricchezza e valore e per la prosperità del (suo) regno pensa di essere felice (=che egli stesso sia felice).

Poiché vuole distruggere il regno di Ciro, signore dei persiani, vuole avere come alleato il Dio a Delfi;

dunque cerca di avere l'amicizia del dio con dei doni e al dio sacrifica dei tori.

Manda poi a Delfi molte  opere meravigliose e procura al dio la gloria della regalità. Con i doni ritiene di avere la benevolenza dell'oracolo.

clicca qui per testo greco completo e per traduzione

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-08-10 09:25:36