Risparmiate la città di Cotiora e il suo territorio!

Greco Lingua e civiltà 1 pagina 432 numero 141

Ἐν τούτῳ ἔρχονται ἐκ Σινώπης πρέσβεις, φοβούμενοι περὶ τῶν Κοτυωριτῶν τῆς τε πόλεως (ἦν γὰρ ἐκείνων καὶ φόρον ἐκείνοις ἔφερον) καὶ περὶ τῆς χώρας, ὅτι ἤκουον δῃουμένην.

καὶ ερχόμενοι εἰς τὸ στρατόπεδον ἔλεγον· προηγόρει δὲ Ἑκατώνυμος δεινὸς νομιζόμενος εἶναι λέγειν· "Πέμπει ἡμᾶς, ὦ ἄνδρες στρατιῶται, ἡ τῶν Σινωπέων πόλις ἐπαινέσοντάς τε ὑμᾶς ὅτι νικᾶτε Ἕλληνες ὄντες βαρβάρους, ἔπειτα δὲ καὶ συνηδώμεθα ότι διά πολλων τε καί δεινων , ώς ημεις ακούομεν , πραγμάτων σεσωσμένοι πάρεστε.

Αξιουμεν δέ Έλληνες όντες καί αυτοί υφ'υμων όντων Ελληνων αγαθόν μέν πάσχειν , ου δέ κακόν ουδέ γάρ ημεις υμας υπάρχομεν κακως ποιουντες.

Κοτυωριται δέ αυτοι εισί μέν ημέτεροι άποικοι , καί τήν χώραν ημεις αυτοις ώστε , ό τούτοις κακόν ποιειτε , Σινωπέων πόλις νομίζει πάσχειν . Νυν δέ ακούομεν υμας ενίους σκηνουν εν ταις αικίας καί εκ των χωρίων λαμβάνειν ων δέησθε ου πείθοντας , ταυτ'ουκ αξιουμεν"

Nel frattempo giungono da Sinope emissari, spaventati sia per la città di Cotiora - era infatti sotto la loro giurisdizione e gli abitanti versavano ai Sinopei un tributo - sia per la regione, in quanto correva voce che fossero in corso saccheggi.

Arrivati al campo, esposero le loro ragioni; prese la parola Ecatonimo, che aveva fama di valenteoratore:"Ci ha inviato in missione, soldati, la città di Sinope, innanzitutto per rivolgervi le nostre felicitazioni perché voi, Greci, avete sconfitto dei barbari e poi per condividere la vostra gioia, ora che siete qui sani e salvi, dopo tante.terribili traversie, secondo almeno quanto abbiamo udito.Noi, Greci al par vostro, presumiamo di non ricevere da voi, altri Greci, danni, ma semmai vantaggi.

Del resto in nessuna circostanza abbiamo manifestato ostilità nei vostri confronti. I Cotioriti sono nostri coloni e siamo stati noi a concedere loro queste terre, dopo averle strappate ai barbari.

È il motivo per cui ci versano il tributo fissato, al pari dei Cerasunti e dei Trapezunti. Quindi, il male che arrecherete loro fate conto di arrecarlo alla città di Sinope. Adesso sentiamo che alcuni di voi, penetrati in città con la forza, alloggiano nelle case e che voi, sempre con la forza, non con la persuasione, prendete i prodotti della terra di cui avete bisogno.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-08-10 09:25:00