La cicala e la volpe - Eulogos

Eulogos 1 pagina 201numero 49

Inizio: Τεττιξ επι τινος υψηλου δενδου ηδεν. ... Fine: αι των πελας συμφοραι σωφρονιζουσιν.

Testo greco completo

Una cicala cantava su un alto albero. Una volpe dunque voleva mangiarsela e si organizzava una cosa di questo genere.

(La volpe) ferma ammirava manifestamente la sua bella voce la esortava a scendere perché voleva ammirare l'animale che emetteva un suo così grande/potente ma poiché quella sospettava le sue imboscate (lett.

Le imboscate di quella) recideva una foglia e la gettava a terra. La volpe accorse presso come sulla cicala e la cicala diceva: “Ti sei sbagliata, cara mia, se supponi che una cicala scenda.

Io infatti evito le volpi da quando nell'escremento (=nella cacca) di una volpe ho visto delle ali di cicala. La favola dimostra che le sventure dei vicini rendono saggi i saggi fra gli uomini

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 13:21:05