Il naufrago e il mare

Gymnasmata pagina 176 numero 26

Inizio: Ναυαγος επειδη εξεβραζετο το εις τον αιγιαλον, δια τον κοπον κατεδαρθανε· ... Fine: οταν υπακουωσιν αλλοις, αλλα τους εφισταμενους.

Testo greco completo

Un naufrago dopo che si gettava sulla spiaggia e dormiva per la stanchezza quando dopo poco (tempo) si svegliava guardava il mare e lo criticava e (gli) diceva che poteva ingannare gli uomini con l'apparenza di mare calmo (di calma) ma che invece quando eventualmente li accoglieva poteva diventare violento e poteva ucciderli.

Ma il mare gli diceva: "Ma, o uomo, non rimproverare me ma i venti: io infatti sono sempre lo stesso ma quelli mi assalgono all'improvviso mi gonfiano/agitano e mi inaspriscono." ...(CONTINUA)

LA TRADUZIONE CONTINUA QUI

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-06 01:27:33 - flow version _RPTC_G1.1