Il re Travicello (Il greco di Campanini versione greco)

Οι βατραχοι λυπουμενοι επι τη αναρχια πρεσβεις επεμπον προς τον Δια δεομενοι βασιλεα αυτοις διδοναι. Ο δε επισταμενος την ευηθειαν αυτων ξυλον εις την λιμνην μεσην καθιει....

Le rane, poiché erano addolorate per la mancanza di governo (= perl l'anarchia), inviavano gli ambasciatori presso Zeus per chiedere di dare loro un re.

Egli, (participio presente da ἐπίσταμαι) conoscendo la loro ingenuità E le rane, poiché in un primo momento sono stordite dal rumore, si immergevano nella profondità stagno. In seguito, poiché il legno era immobile, dopo che emergevano, non dandosi cura del nuovo re salivano su quello (sul legno ) e si sedevano.

Essendosi sdegnate per avere un simile re andavano di nuovo da Zeus ed esigevano che egli cambiasse loro il re. Dicevano infatti che il primo era troppo pigro.

Dunque Zeus, adirandosi, mandava dalle rane una serpe e le rane dopo essere state afferrate venivano da quella mangiate. La favola (lett. il discorso) dimostra che è più prudente avere sovrani pigri e non malvagi un pigro e non comandanti cattivi e che è male averli inquietati e tormentati.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 13:22:48