Alcesti (Versione latino Igino)

Alcesti versione latino Igino
traduzione libro Discipulus II pag. 843 N° 34

Alcestim Peliae et Anaxibies Biantis filiae filiam complures proci petebant in coniugium;

Parecchi pretendenti chiedevano la mano di Alcesti, figlia di Pelia e di Anassibie, figlia di Biante; Pelia, sottraendosi a tale situazione, rifiutò le condizioni di quelli e stabilì una gara, secondo cui egli si sarebbe presentato a chi avesse attaccato bestie selvagge ad un carro e avesse portato via Alcesti nel matrimonio.

E così Admeto chiese ad Apollo di aiutarlo. Apollo, che era stato generosamente accolto in schiavitù da quello, gli consegnò, legati, un cinghiale ed un leone, per mezzo dei quali portò via Alcesti.

E Apollo lo informò del fatto che un altro dovesse morire volontariamente al suo posto. E poiché né il padre né la madre avevano voluto morire al posto suo, si offrì la moglie Alcesti ed ella morì in sua vece. In seguito Ercole la fece tornare dagli inferi. _________________

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 01:33:17 - flow version _RPTC_G1.1