Alcesti - Versione di latino di Igino dall'opera Fabulae

Alcesti Versione latino Igino Fabulae

Alcestim Peliae et Anaxibies Biantis filiae filiam complures proci petebant in coniugium;

Molti contendenti chiedevano in moglie Alcesti, figlia di Pelia e di Anassibie, figlia di Biante; Pelia, venendo meno a siffatta situazione, respinse i patti di quelli e organizzò una gara, secondo cui egli si sarebbe donato a chi avesse attaccato animali selvaggi ad un carro e avesse sostenuto Alcesti nel matrimonio.

E così Admeto domandò ad Apollo di prestargli aiuto. Apollo, che era stato gentilmente ospitato in schiavitù da quello, gli affidò un cinghiale ed un leone legati, per mezzo dei quali mandò via Alcesti.

E Apollo lo mise al corrente del fatto che un altro dovesse volontariamente morire al suo posto. E poiché né il padre né la madre avevano voluto morire al posto suo, si offrì la moglie Alcesti che morì al suo posto; in seguito Ercole la fece ritornare dagli inferi.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 01:33:52 - flow version _RPTC_G1.1