Alcmena e il suo divino amante - Igino versione latino

Alcmena e il suo divino amante
Versione latino Igino e Traduzione

Anphitryon cum abesset ad expugnandam Oechaliam, Alcimena aestimans Iovem coniugem suum esse eum thalamis recepit.

Poiché Anfitrione era distante per espugnare Ecalia, Alcmena, pensando che Giove fosse suo marito, lo accolse nel talamo.

Essendo quello venuto nel talamo e riferendole le cose che aveva fatto in Ecalia, quella credendo che fosse suo marito giacque con lui. Quello tanto piacente giacque con quella, e raddoppiò in due notti, così che Alcmena si meravigliasse di una così lunga notte.

Dopo essendole annunciato che il marito tornava vincitore, non se ne curò affatto, poiché pensava di aver già visto suo marito. Essendo Anfitrione entrato nella reggia e più trascurato vedendo quella sicura, iniziò a meravigliarsi e a chiedere perché non lo accogliesse dopo che giungeva;

a questo Alcmena rispose: "Già sei venuto ieri e hai già giaciuto con me e mi hai hai raccontato le cose che hai fatto in Ecalia". Dicendo quella tutti i particolari, Anfitrione capì che qualche nume c'era stato per lui, da quel giorno non giacque con quella. Quella violata da Giove partorì Ercole.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 01:33:52 - flow version _RPTC_G1.1