Enomao (Versione latino Igino)

Enomao versione latino Igino traduzione libro
Corso di Lingua Latina Sintassi pagina 157 Numero 31
e libro cotidie discere
"Oenomaus, martis filius habuit in coniugio... a quo myrtoum pelagus est appellatum. "

Enomao, figlio di Marte e Asterope, figlia di Atlante, prese in moglie Evarete, figlia di Acrisio, dalla quale ebbe Ippodamia, fanciulla di straordinaria bellezza;

ma egli non voleva concederla in nozze a nessuno perché un oracolo lo aveva ammonito di guardarsi dalla morte per mano del genero. E poiché molti la chiedevano in sposa, stabilì il patto che l’avrebbe data a chi lo avesse sfidato in una gara col carro e fosse riuscito a superarlo (egli aveva infatti cavalli più veloci del vento), mentre chi veniva sconfitto doveva essere messo a morte.

Molti avevano già perso la vita quando per ultimo si presentò Pelope, figlio di Tantalo, che, vedendo inchiodate sulla porta le teste dei pretendenti di Ippodamia, iniziò a pentirsi temendo la ferocia del re. Così corruppe Mirtilo, l’auriga di Enomao, promettendogli la metà del regno se lo avesse aiutato. Stabiliti i patti, Mirtilo preparò il carro senza inserire le biette ai mozzi delle ruote, e così, quando i cavalli presero il via, mandarono in pezzi il carro difettoso di Enomao. Pelope tornò in patria vincitore insieme a Ippodamia e Mirtilo, ma ebbe paura del disonore che lo attendeva: perciò precipitò Mirtilo nel mare che da lui prese nome Mirtoo.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-21 11:44:13 - flow version _RPTC_G1.1