I patimenti di una ragazza - giovenca

Ex Inacho et Argia Io.

Da Inaco e Argia nacque Io.

Giove la possedette perché l'amava e la tramutò nelle sembianze di una vacca, affinché Giunone non la riconoscesse. Quando Giunone lo venne a sapere, le inviò come custode Argo, a cui lo sguardo rifulgeva da ogni parte; Mercurio per ordine di Giove lo uccise.

Ma Giunone le suscitò spavento e la costrinse a gettarsi nel mare, mare che fu chiamato Ionio. Da lì nuotò verso la Scizia, da dove sono delineati i confini dei Bosfori.

Da lì in Egitto, dove partorì Epafo. Giove quando seppe che ella per le sue azioni aveva sopportato tante tribolazioni, le restituì la propria forma e la rese dea degli egiziani, che è chiamata Iside.
(By Maria D. )

Versione tratta da Igino, Fabulae

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 01:33:52 - flow version _RPTC_G1.1