Ifigenia (Versione latino Igino)

Ifigenia
versione latino Igino traduzione dal
libro Images pagina 26
dal libro latino a colori e dal libro latino laboratorio

Agamemnon cum Menelao fratre Achaiae delectis ducibus Helenam uxorem Menelai, quam Alexander Paris avexerat, repetitum ad Troiam cum irent, in Aulide tempestas eos ira Dianae retinebat, quod Agamemnon in venando cervam eius violavit superbiusque in Dianam est locutus.

Agamennone, suo fratello Menelao e altri scelti principi della Grecia stavano andando a Troia a riprendere Elena, moglie di Menelao, che era stata rapita da Paride, ma una tempesta causata dall’ira di Diana li tratteneva in Aulide, poiché Agamennone aveva ferito, cacciando, una cerva della Dea e poi le si era rivolto con grande superbia.

Agamennone aveva pertanto convocato gli indovini e Calcante aveva risposto che non gli rimaneva altra scelta, per espiare, che sacrificare la sua stessa figlia, Ifigenia.

Udito questo responso, Agamennone dapprima rifiutò, ma poi Ulisse, con i suoi consigli, lo convinse a mettere in atto un piano astuto: lo stesso Ulisse, assieme a Diomede, fu mandato a prendere Ifigenia e quando i due giunsero dalla madre della fanciulla, Clitennestra, Ulisse le disse - mentendo - che Ifigenia era stata destinata in matrimonio ad Achille.

Quando la fanciulla, condotta in Aulide, fu sul punto di essere immolata dal padre, Diana ne ebbe pietà, la avvolse in una nebbia e mise al suo posto una cerva; la Dea trasportò poi Ifigenia attraverso le nubi fino in Tauride, e colà ne fece una sacerdotessa del suo tempio.

Helenam uxorem Menelai Alexander Paris avehit.

Alessandro Paride rapisce Elena, moglie di menelao. Così Agamennone sta per andare a Troia con Menelao e con degli uomini scelti della Grecia: infatti ha intenzione di recuperare Elena. Una tempesta tratteneva i greci in Grecia per l'ira di Diana: infatti Agamennone maltratta una cerva di Diana e offende la dea. L'uomo convoca un indovino e l'indovino risponde: "Sei destinato a sacrificare Ifigenia, tua figlia: così espierai l'offesa alla dea". Agamennone ascolta le parole dell'indovino ma rifiuta di sacrificare la figlia. Allora Ulisse, astuto uomo, mandato con un amico fidato da Ifigenia, figlia di Clitemnestra, e da Clitemnestra, disse false parole: "Clitemnestra, Ifigenia sarà data in sposa ad Achille". Poi Ulisse conduce Ifigenia, misera fanciulla, verso le truppe greche e Agamennone decide di sacrificare la figlia, ma Diana, dea dei boschi, ha intenzione di salvare la fanciulla: infatti mette una cerva al posto di Ifigenia, e porta Ifigenia in terra Taurica attraverso un cielo nuvoloso.

Ifigenia versione latino dal libro latino laboratorio

Postquam Paris Helenam, Menelai uxorem, rapuerat, Agamemnon cum Menelao fratre delectisque Asiae ducibus statuit ad Troiam urbem navigare, eam repetiturus.

Dopo che Paride aveva rapito Elena, la moglie di Menelao, Agamennone insieme al fratello Menelao, scelti i comandanti in Asia, dall'Asia decise di navigare verso al città di Troia, (per) riprenderla. Ma Agamennone, mentre l'esercito dei Greci si fermava nell'Aulide, quando stava per salire su una nave, durante la caccia uccise per caso una cerva sacra a Diana: perciò la dea, mossa dall'ira, sollevò una terribile tempesta. Così la tempesta tratteneva la flotta greca nell'Aulide. Agamennone convocò subito gli aruspici e l'indovino Calcante, interrogato rispose: "Placherai l'ira di Diana e la flotta manterrà una rotta fortunata e favorevole solo se avrai immolato alla dea Ifigenia, la tua unica figlia". Udita la risposta, Agamennone prima rifiutò la turpe decisione, in seguito, su proposta di Ulisse, approvò ciò. Lo stesso Ulisse fu mandato dalla fanciulla Ifigenia, la bella figlia di Agamennone, e la condusse davanti all'altare, come se stesse per dar(la) in moglie ad Achille. Ma la fanciulla, quando vide il padre mesto davanti all'altare, e i sacerdoti che nascondevano il pugnale e tutti i cittadini che versavano lacrime, presa da una violenta paura cadde a terra piegata sulle ginocchia. I sacerdoti, per ordine di Agamennone, stavano già per immolarla, quando Diana ebbe compassione della fanciulla: pose davanti a tutti una fosca nebbia e sostituì una cerva al posto di essa ( di Ifigenia). Ifigenia fu portata via nella terra Taurica attraverso le nuvole e lì diventò (fu fatta) sacerdotessa di Diana.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-05-24 01:33:35 - flow version _RPTC_G1.1