Ulisse e la maga Circe (Versione latino Igino)

ClLICCA QUI i trovi la versione dal libro libenter

CLICCA QUI e trovi la versione dal libro Nova officina

Circe Cum diu per maria vagatus esset, Ulixes ad Circes magae insulam cum sociis navi advectus est.

ClLICCA QUI i trovi lo stesso titolo versione libro libenter

Traduzione libro Nova officina

Avendo vagato a lungo per i mari, Ulisse giunse con la nave all’isola della maga Circe con i compagni.

Alcuni di questi, il cui capo era Euriloco, essendo avanzati alla casa della dea, scorsero dei leoni e dei lupi, che non solo non erano affatto feroci, ma giungendo dei forestieri facevano anche moine alla maniera dei cani. Avendo udito la dea che cantava nella casa, chiamarono quella, che, avendo aperto la porta, li persuase ad entrare.

Allora incautamente entrarono tutti, tranne il solo Euriloco, che, diffidando della padrona, indugiò davanti alla porta. Infatti aveva sospettato qualche inganno e non si era fidato della dea. Circe persuase i compagni, quando entrarono, a prendere posto con lei a un banchetto e mangiare insieme.

Così mangiarono dei cibi, ai quali era mischiato un filtro e, avendoli assaggiati, subito lasciarono la forma di uomini e furono trasformati in porci. Allora Euriloco, avendo visto i compagni che uscivano e non avendoli riconosciuti, ritornò da Ulisse per raccontargli la morte degli sventurati.

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-16 00:35:57 - flow version _RPTC_G1.1